Senza ritegno….

Della serie come iniziare male la settimana. Questa mattina al risveglio, come sempre, caffè, latte e biscotti e uno sguardo alle notizie sui maggiori quotidiani online. Mi salta subito all’occhio un articolo, riportato da alcuni di loro, a riguardo di una dichiarazione fatta da una “starlettina”, scusate il diminutivo, ma non riesco a definirla con altro termine per non diventare volgare,  salita agli onori della cronaca rosa, tempo fa, per una sua presunta relazione con un noto industriale italiano e avendo anche partecipato al reality “L’isola dei noiosi….scusate L’isola dei famosi” ha rilasciato nel corso di un programma televisivo, alquanto trash a mio parere, della domenica pomeriggio. “Per vivere ho bisogno di un milione di euro al mese”, questo quanto affermato dalla bionda fatalona. Mi sorge il sospetto che forse si sia sbagliata, ha confuso i milioni con le migliaia di euro, ma no, è tutto vero, il suo stile di vita fatto di serate in discoteca, palestra e trattamenti di bellezza continui, nonchè la sua necessità sfrenata di shopping la portano ad avere, per sopravvivere, necessità del milione. Ebbene, la cosa che mi ha stupito è il fatto che i commenti sulla dichiarazione fatta davanti a milioni di spettatori, a partire dalla presentatrice del programma, siano stati del tutto blandi, una risatina, e nessuna voce tonante che si sia alzata a biasimare quanto dichiarato. In un paese come il nostro, dove la soglia della povertà si sta alzando coinvolgendo tantissime famiglie, dove il reddito di cittadinanza di 700 euro al mese circa, giusto o sbagliato che sia, rappresenta la boccata di ossigeno per chi vuole almeno continuare a vivere cercando di non perdere la dignità, ci si trova davanti una, come definirla, instabile mentale, che, poverina, per vivere ha necessità di una cifra a sette zeri mensile. Quale messaggio ne può arrivare, ai giovani, ai meno giovani, a noi tutti, da una cosa del genere? Ma la televisione, o meglio quel tipo di televisione, serve veramente? Guardo la mia povera tazza di latte, i semplici biscotti del supermercato comprati in offerta e mi domando, vale la pena tornare a lottare , a lavorare per non arrivare poi a fine mese? Se mi guardo allo specchio la risposta immediata è si, almeno conservo tutta la mia dignità cosa che invece la signorina in questione forse non ha.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...